Cefalù: it.png en.png

Rubriche Nudge Vacanze

Cefalù è una lumaca

La città e il suo rapporto con la Rocca che la sovrasta

Cefalù è una lumaca

100

E’ difficile pensare ad un legame fra un centro abitato ed un elemento del paesaggio in cui esso è immerso più stretto e indissolubile di quello che esiste tra Cefalù e la sua Rocca. Formazione rocciosa alta circa 250 metri, grandiosa e selvatica, disseminata di grotte e anfratti, coronata di vegetazione mediterranea, la Rocca sovrasta e domina Cefalù, offrendo tra l’altro un incomparabile sfondo naturale a quel miracolo, tutto dell’uomo, che è la cattedrale normanna, il Duomo.

La mole imponente della roccia incombe sull’abitato e sul via vai degli umani, che sembrano tuttavia considerare questa presenza più protettiva che minacciosa, a giudicare da come le case e le stradine del vecchio centro si affollano alle sue pendici e si inerpicano lungo le falde, simili ad una frotta di pargoletti che cerchino di arrampicarsi sulle ginocchia della madre. Non a caso, la cittadina normanna è stata paragonata ad una lumaca, di cui l’abitato costituirebbe il fragilissimo corpo e la Rocca il grande guscio protettivo. Le corna? Le corna sarebbero le due torri del Duomo.

Che Cefalù e la Rocca costituiscano un unicum inscindibile è sotto gli occhi di tutti: quando percorrete la statale provenendo da Palermo e cogliete la prima veduta della città, fermatevi un momento e provate a immaginare l’una senza l’altra, Cefalù senza la sua sempiterna custode, il Duomo senza il suo sfondo roccioso, e scoprirete che ben poco rimarrebbe del fascino straordinario che emana da questo luogo. Parte di questo fascino è data dal peculiare contrasto tra la selvaggia naturalità della Rocca e quel frutto prezioso della creatività e dell’arte che è il Duomo di Cefalù: contrasto, dunque, tra l’opera casuale degli agenti naturali e quella consapevole dell’uomo, contrasto (e in questo caso perfetta fusione) tra natura e civiltà.

Altro si potrebbe raccontare della Rocca, della sua storia millenaria e di strani eventi di cui è forse stata testimone, ma di questo in una prossima occasione.

Letto 1547 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.